L’animazione di JOANNA POLAK – dalla tradizione alla sperimentazione.

Martedì 4 Aprile a partire dalle 18.30, il Kino presenta una retrospettiva sul cinema d'animazione polacca che avrà come protagonista Joanna Polak. 

Si tratta di una rassegna di 24 cortometraggi d'animazione, dai più tradizionali a quelli più sperimentali, realizzati con varie tecniche e curati dalla stessa Joanna Polak, in collaborazione con altri artisti della scena dell’animazione polacca e con i suoi studenti dell’Università Maria Curie-Sklodowska (UMCS) di Lublino, molti dei quali sono stati presentati e premiati in diversi festival nazionali ed internazionali.

L’animazione polacca nasce oltre 50 anni fa e ha la specifica di trattare argomenti sociali con un'ironia particolare. Questo tipo d'animazione viene considerata tra le più sperimentali d’Europa e viene costruita con la specifica di unire vecchie e nuove tecnologie. 
La retrospettiva si prefigge lo scopo di presentare la varietà e la creatività dell’animazione, una delle forme d’arte più importanti della tradizione della Polonia il cui valore è riconosciuto a livello internazionale. 

Tutti i cortometraggi sono proiettati in lingua originale sottotitolati in inglese, per una durata complessiva di 1’30’’.

La serata avrà come ospiti Joanna Polak, Danylo Tkanko, docente presso l'Università Tecnologica di Hangdzou, Facoltà di Arte e multimedia (traduttore), Mieczyslawa Gos, coordinatore dei progetti artistici e mostre del Centro Culturale Accademico Chatka Zata e Edyta Lisek, docente di Arte e multimedia dell'UMCS.

  

JOANNA POLAK 


Joanna Polak nasce nel 1978 a Lublino. Laureata presso la Scuola di Belle Arti di Lublino e l'Accademia di Belle Arti di Poznan è regista di 104 film, molti dei quali d'animazione. Molti dei suoi progetti sono stati presentati in più di 300 festival e hanno vinto 25 premi e riconoscimenti.
Utilizza varie tecniche per la realizzazione dei film d’animazione, da quella classica, ai ritagli di carta unite alle tecniche di computer grafica 2D/3D. 
La sua particolare tecnica è quella di unire l’arte dell’animazione con l’arte terapeutica, suscitando nello spettatore sia il riso che lo spirito critico, trattando argomenti d'interesse sociali che traggono ispirazione dalla società moderna.
Dedica gran parte del suo lavoro ai giovani artisti, che sono anche i destinatari della sua arte, cercando di infondere in loro l’interesse per l’animazione attraverso il divertimento. 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.